L’idea del Corriere della Sera che ha raccontato la vita di Marilyn in 50 tweet.

Giovedì scorso, sull’account Twitter della Lettura, l’inserto culturale della domenica del Nemico, lo scrittore Tommaso Pincio ha raccontato in 50 tweet la biografia di Marilyn Monroe. Si è trattato di una #biotweet, un nuovo esperimento di tweet-lit (letteratura via Twitter). L’idea ha vuto un discreto successo. Complimenti al quotidiano di via Solferino per aver trovato un modo diverso per sfruttare le caratteristiche e le potenzialità del Social Network dei 140 caratteri.

Giovedì 5 luglio tutti a Milano al Social Case History Forum: solo case history, niente #fuffa.

E’ gratuito e non ci si deve registrare (anche se io ci sarei andato comunque). Due buoni motivi per vederci al Social Case History Forum di Milano, che si terrà a Milano  giovedì 5 luglio al Centro Congressi del Palazzo delle Stelline.

Salvo imprevisti dell’ultimora farò una diretta twitter dell’evento sul mio account.

Riporto dal sito ufficiale dell’evento:

Un firmamento di case history al Palazzo Stelline di Milano.

Social care, eventi, social banking, citizen journalism, social photography, mobile e geolocalizzazione, produzione video, social TV e turismo sono alcune keyword che guideranno un percorso di storytelling durante tutta la giornata.

Su 3 sale in simultanea oltre 20 progetti italiani, applicati ai social media in diversi ambiti, raccontati direttamente dalle Aziende, fra cui 3Italia, Banca IFIS, Breil, Citroën, Deejay o dalle Agenzie di comunicazione, fra cui CrowdM, Fullsix, TheBlogTV, Yooplus, Zodiak Active.

Sul sito ufficiale trovate l’indirizzo completo e altre info.

L’invito personale alla Galleria Campari: come portare un bambino a Disneyland.

Quali sono le migliori soddisfazioni che si possono ottenere da un blog come il mio? Un buon numero di visite, qualche commento interessante e l’idea di fornire un servizio ai miei pazienti lettori. Ma cosa c’è di più bello che ricevere una mail dalla Direzione Marketing del Gruppo Campari, che dice così?

Buongiorno Enrico,
qualche tempo fa gironzolando in rete siamo incappati nel suo blog e devo dire che troviamo sempre spunti piuttosto interessanti.

Per ricambiare, abbiamo pensato di invitarla a visitare Galleria Campari e la neonata Campari Academy, presso i nostri headquarters di Sesto San Giovanni.

Nell’occasione le offriremmo volentieri un aperitivo.

Naturalmente ho accettato con entusiasmo l’invito e sono andato a far visita agli uffici Campari Group di Sesto San Giovanni. E la soddisfazione di cui sopra è aumentata quando mi hanno rivelato di aver scelto il mio blog tra decine di altri che loro frequentano periodicamente per propormi questa visita esclusiva alla Galleria Campari e alla Campari Academy. E così mi sono sentito un uomo felice, anzi, un blogger strafelice.

Per non parlare della visita alla Galleria Campari che per me, appassionato da sempre di grafica e comunicazione (settori in cui bazzico da oltre vent’anni), è stato un po’ come portare un bambino a Disneyland.

Galleria Campari è “un laboratorio di immagini e di emozioni”, come recita il claim della Galleria stessa. Un omaggio che Campari ha deciso di fare ai suoi consumatori attraverso un percorso artistico e multimediale senza precedenti.

Una visita guidata (e gratuita) attraverso le opere che hanno caratterizzato la comunicazione di Campari nel mondo dal 1860 ai giorni nostri. In queste foto ne vedete alcune.

E così mi sono ritrovato proprio come quel bambino di Disneyland, tra le gigantografie dei poster di Fortunato Depero e Marcello Dudovich per il Cordial Campari e per il Bitter Campari, la famosa composizione dei loghi Campari di Bruno Munari e gli storyboard dello spot pubblicitario Campari girato dal grande Federico Fellini con protagonista Silvia Dionisio.

Terminata la visita alla Galleria, abbiamo visitato anche gli spazi della Campari Academy, un’altra idea del Gruppo, in cui si tengono dei corsi specializzati di Spirits & Wine Management, dedicati a coloro che vogliono diventare Barman, Bar Manager e Club Administrator. Riporto dal sito ufficiale della Campari Academy:

Spirits & Wine management:
una prestigiosa Accademia del Beverage creata dall’industria in Italia per l’insegnamento dell’arte del Bartending e non solo e per favorire lo sviluppo di una cultura dell’eccellenza.

Campari Academy nasce con lo stesso spirito innovativo che ha da sempre contraddistinto il Gruppo Campari e ne diviene una naturale evoluzione. Dal 2012, gli Headquarters di Sesto San Giovanni aprono le porte all’Accademia del Beverage riservata ai professionisti del settore e a tutti coloro che desiderano entrare a far parte di questo mondo .

Durante la visita ho potuto assistere personalmente ad una porzione del corso per diventare Barman (foto).

Al termine di tutto ecco la ciliegina sulla torta. O meglio, la ciliegina nell’aperitivo, che mi hanno offerto personalmente nel bar riservato ai visitatori della Galleria. Così abbiamo avuto modo di parlare un po’ di web marketing e di blog. E per sdebitarmi di tutto ho fornito alcuni suggerimenti di Web Marketing.

Ah, dimenticavo. Non vedo l’ora di portare mia moglie e mia figlia alla Galleria Campari. E voi, che aspettate? Gli orari delle visite li trovate qui.

Twitter: il caso di Ikea Italia che ha raggiunto i 100.000 followers.

Twitter è ormai una parola sulla…tastiera di tutti. Giochi di parole a parte, segnalo oggi una case history interessante che riguarda il brand Ikea Italia che proprio in questi giorni ha raggiunto i 100.000 followers. Un successo straordinario per la sede italiana del colosso svedese dei mobili. Ikea, del resto, ha una storia e un target perfetti per avere successo sui Social Network. Due mondi che ben si sposano tra loro e che hanno portato ad un giusto mix tra qualità dei prodotti e innovativa comunicazione sulla rete,  per uno strepitoso successo dell’immagine online di IKEA. Gli oltre 100.000 follower twittano parlando delle loro esperienze in negozio, del loro legame col brand e del loro entusiasmo per i prodotti IKEA. Tutto questo avviene con uno stile ironico e molto smart che ben si addice al mezzo internet. Una delle recenti attività che ha riscosso molto successo è #parlasvedese: un hashtag con cui gli utenti sono stati invitati a interagire twittando una frase di 140 caratteri (e di senso compiuto) con i nomi dei prodotti IKEA. E’ proprio il caso di dire: IKEA uguale IDEA. Tra gli altri hashtag utilizzati, quelli più popolari sono #confessioni, #IKEAFood, #IKEAidee. E adesso qualche numero: il canale Twitter di IKEA Italia cresce di circa 3.000 follower alla settimana e in modo completamente naturale. Insieme al numero di follower cresce anche l’interazione che conta, invece, circa 300 tra @mentions, reply e retweet alla settimana.

Il successo di IKEA Italia su Twitter è il risultato di un lavoro gestito da un team nato dalla collaborazione tra Plan.net Italia e Hagakure.

Twitter, il social network casa e chiesa.

In un’intervista al quotidiano l’Unità, il cardinale Ravasi ha dichiarato: «Così porto la Chiesa nel “cortile” di Twitter».

I tweet del cardinale Ravasi, circa un paio al giorno, sono la testimonianza concreta che i social network sono ormai entrati di diritto nelle nuove forme di comunicazione degli italiani. Un bel passo avanti per il futuro delle reti sociali, in Italia e nel mondo. Volete un assaggio di ciò che scrive il cardinale? Eccolo: L’amore che non si rinnova ogni giorno e ogni notte diventa abitudine e lentamente si trasforma in schiavitù. E poi anche citazioni di Kahlil Gibran e passi dei Vangeli, frasi di Sciascia e John Lennon, Gesualdo Bufalino e Goethe, versetti del Libro di Siracide e delle Lettere ai Corinzi. Insomma, di tutto, di più.

Ormai sono cinquecento milioni le persone che ogni giorno si misurano con i brevi testi di Twitter e ultimamente anche i vip preferiscono il cinguettio veloce ad altre forme di comunicazione sociale, Facebook compreso. Ma il cardinale Ravasi non è l’unico rappresentante vip della chiesa cattolica su Twitter, è atteso a giorni anche il debutto di Papa Benedetto XVI che sta per aprire il suo account ufficiale. I tweet non saranno inviati da lui ma riceveranno la sua approvazione.

Complimenti a Costa Crociere: ecco come si gestiscono blog e social network in caso di naufragio.

La tragedia la conosciamo tutti, purtroppo, anche i muri. E’ proprio per questo motivo che non voglio tornare su quanto successo all’isola del Giglio, perché se ne sta già parlando in decine di altri siti e blog.

Lo scopo di questo post è quello di raccontare la professionalità e la scelta strategica adeguata con cui l’azienda Costa Crociere ha voluto comunicare, e di conseguenza gestire, la vicenda e il probabile disastro d’immagine che poteva scatenare.

La notte dell’incidente, quando ancora nessuno tra i principali siti di informazione aveva pubblicato la notizia, sul blog ufficiale di Costa Crociere sono apparsi due post (all’una e alle cinque del mattino) dal contenuto molto formale in cui si comunicava ciò che stava accadendo nei pressi del Giglio. Qui il primo post e qui il secondo.

Andando a memoria, credo che si tratti della prima volta in cui un’azienda italiana in un momento tragico e delicato come quello del naufragio di una sua nave, decide di informare così tempestivamente la clientela attraverso la rete. E facendolo senza farsi prendere dal panico e quindi sfruttando la rete nel modo migliore.

Un blog aziendale non è una vetrina o un catalogo prodotti. Un blog aziendale è un posto, uno spazio, una bacheca, in cui poter comunicare cose che non riguardano necessariamente l’aumento del fatturato e delle vendite. E Costa Crociere questo lo sa bene e la testimonianza di ciò l’abbiamo avuta sotto gli occhi  la notte della tragedia.

Inoltre l’azienda ha anche dimostrato di sapersi muoversi nel rutilante mondo dei social network, decidendo di lasciare aperta a tutti la bacheca della pagina Facebook.

Un comportamento che alla lunga ha pagato: infatti il commento delle 5 di notte pubblicato su Facebook , è piaciuto a 2.811 persone.

E scusate se è poco.

Omsa, che caos!

Da Omsa, che gambe! a Omsa, che caos!

Si evolve così il claim della nota azienda di calze da donna di Faenza che è al centro di un caso di cui stanno parlando un po’ tutti i media, digitali e non.

La storia è questa: lo scorso 27 dicembre, 239 lavoratrici della Omsa si sono viste recapitare un fax dalla dirigenza in cui si comunicava l’intenzione di interrompere il rapporto di lavoro al termine della cassa integrazione previsto per il prossimo marzo.

Da qui  l’idea di attivare su Facebook una campagna di boicottaggio delle linee di prodotto dell’intero gruppo Golden Lady (di cui Omsa fa parte), ossia i brand: Golden Lady, Omsa, SiSi, Filodoro, Philippe Matignon, NY Legs, Hue e Arwa.

La campagna di boicotaggio della Golden Lady sta avendo un incredibile successo. E’ stata infatti creata una pagina Facebook dedicata alla protesta chiamata  Bomsa. Boicotta Omsa e che ha sommato in pochi giorni già 4.694 “mi piace” con numerose  interviste alle operaie coinvolte, interventi dei principali partiti politici a favore della vertenza e commenti di solidarietà giunti da tutta Italia.

La ciliegina sulla torta, una torta evidentemente amara per il gruppo di Faenza, è la creazione di un evento pubblico sempre su Facebook, previsto per il 31 gennaio e ribattezzato “Mai più Omsa“, la cui pagina Facebook, nata da qualche giorno,  ha già raccolto 24.866 aderenti al boicottaggio (la crescita è di più di dieci al minuto): chiunque scegliesse di cliccare sul bottone “parteciperò”,  si impegna a non acquistare prodotti Omsa e Golden Lady e a invitare amici e conoscenti a fare lo stesso.

Un’ altra piccola rivoluzione digitale.

Omsa, che caos!

Appuntamento con Ornella Vanoni sulla prima pagina di Google.

In un post di qualche giorno fa riportavo le mie impressioni sull’apertura dell’account di Twitter da parte di Ornella Vanoni.

Il giorno dopo, digitando Ornella Vanoni su Google (nella categoria blog), il mio post figurava in prima posizione (vedi foto).

Al momento in cui scrivo, il post è scivolato in quinta posizione, ma è sempre in prima pagina. Un piccolo esempio di come si possa finire nella prima pagina dei motori di ricerca con una determinata keyword, in questo caso Ornella Vanoni, stando attenti a rispettare quelle piccole regole che permettono al post di arrivare così in alto nelle ricerche.

Se la cosa vi ha incuriosito e volete saperne di più, contattatemi pure. Sarò lieto di raccontarvi altri dettagli.

Osservatorio Twitter: Ornella Vanoni.

Complimenti a Ornella Vanoni.

Già la stimavo prima perché è una delle mie cantanti preferite, adesso poi che ho scoperto che è superattiva anche nei social network, la apprezzo ancora di più.

Ornella, infatti, il 2 novembre scorso ha aperto il suo account Twitter (foto sotto) e comunica spasmodicamente con i suoi follower (già 340 al momento in cui scrivo) come se fosse una ragazzina del liceo che sprizza euforia e tecnologia da tutti i tweet.

Non è facile tenere botta a tutti i fan che rispondono ad ogni cosa che scrivi. Lei ci riesce.

E’ vero che è passata solo una settimana dall’apertura dell’account, ma credo che Ornella riuscirà a conservare la freschezza e la cura dei contenuti che leggiamo in tutti i suoi cinguettii.

Tutti gli artisti dovrebbero interagire con i propri fan così come fa Ornella, perchè le nuove regole del mercato lo impongono. E questo non vale solo per una cantante, per un attore o per uno scrittore. Vale anche per tutti quelli che hanno un attività grazie alla quale si trovano a dover comunicare quotidianamente con i clienti (fan).

E adesso, il mercato, si svolge qui, sulla rete. E gli stand si chiamano Facebook, Twitter, YouTube, Blog etc.

E poi, sinceramente, Ornella in quella foto in bianco e nero è bellissima. In quella foto c’è tutta la Milano di una volta.

Ora basta, devo andare perchè ho un appuntamento.