Home

Un po’ di cose che ho fatto per una pagina Facebook.

Chi mi conosce sa che non amo molto mettere in mostra le cose che faccio, ma ogni tanto lo devo fare, se non altro perché ho il mutuo e le bollette che incombono.

Per circa due anni ho collaborato con un’agenzia di comunicazione di Milano per alcuni clienti nazionali, tipo Bioderma e Acqua Chiarella.

Per quest’ultimo (di Bioderma parlerò un’altra volta) c’è stata la possibilità, anche grazie all’intelligenza del cliente, di fare delle cosine egregie per la loro pagina Facebook. Pagina di cui mi sono occupato di supervisionare la gestione e collaborare alla creazione di numerosi post.

Qui sotto vedete una selezione di idee che hanno generato una discreta interazione tra i lettori della pagina. Gli stessi post sono stati poi pubblicati anche sull’account Instagram del cliente.

La gestione di una pagina Facebook e la creazione di post ad-hoc sono solo due dei servizi che offro nell’ambito del Social Media Management.

Socializziamo? (e altre cosine).

 

 

 

 

 

Per chi ancora non li conoscesse, vi segnalo i miei canali social.

Il mio profilo Facebook.

La pagina Facebook di Enrico Maria Porro Comunicazione.

Il mio account Twitter.

Il mio profilo Linkedin.

Il mio account Instagram.

Il mio profilo Pinterest.

E già che ci sono vi segnalo qualche novità social trovata sul bellissimo sito di Ninja Marketing.

Come utilizzare (bene) la pubblicità a San Valentino. Facciamo che vi servirà per l’anno prossimo.

Come trovare l’hashtag perfetto.

La provocazione di art guerrilla di un fotografo.

Appunti di Web Marketing (6 febbraio): adv online, Bulletin e il sorpasso del mobile sul desktop.

Rieccomi con due articoli interessanti che vi segnalo.

Entrambi li ho scovati sul sito di Ninja Marketing.

Il primo spiega perché Amazon può togliere a Google il monopolio della pubblicità online.

Il secondo parla dell’arrivo di Bulletin, la nuova app di Google che punta a trasformare tutti in reporter locali modificando sostanzialmente la funzione storica di Google News.

Infine pubblico un’interessante infografica apparsa su Repubblica del 6 febbraio che sancisce il sorpasso del mobile ai danni del desktop.

 

E un altro anno è andato, la sua musica ha finito.

Il titolo è una semicitazione. Gli amanti del genere la capiranno, senza cliccare qui. E senza guardare la foto sotto.

Si chiude un anno abbastanza buono. Anche se in genere si tende a dire: speriamo che il prossimo vada meglio.

Io guardo sempre il bicchiere mezzo pieno. In quello tutto pieno ho paura di affogare.

E adesso parliamo di cose serie.

Ricordate la missione di qualche settimana fa?  Ci sono poche possibilità che vada in porto. Colpa di quelli di Repubblica che si sono messi in testa di fare un restyling grafico di cui mi sono innamorato. E così ho un mese di arretrati (inserti inclusi) da leggere. E i libri ne fanno le spese. Vero Jonathan Frenzen?

Il sito del produttore di polli allo spiedo è finalmente online, con i miei croccanti testi. Cercatelo in rete.

Tra Natale e Capodanno andrò a Strasburgo. Vi farò sapere.

Auguri.

Appunti d’autunno: una missione, il Trap di Ghali e il mago dello spiedo.

Rieccomi qui.

Libri. La missione dell’autunno è la seguente: terminare assolutamente entro Natale L’Adolescente di Fëdor Dostoevskij e Le Correzioni di Jonathan Frenzen.

Me lo sono imposto. Poi come va, va. Ma io ci provo.

Ho calcolato che, nello scaffale in cui accumulo i libri da leggere, ce ne sono 73. Non si può andare avanti così.

Musica. Grazie a Sofia ho scoperto un nuovo genere che mi piace molto, anche se chi lo suona potrebbe essere mio figlio, cioè il fratello di Sofia.

Parlo del Trap, che non è l’allenatore di calcio, ma un sottogenere della musica Rap. In Italia la sta suonando molto bene gente come Ghali, Sfera Ebbasta, Rkomi, Tedua e altri. Nella foto c’è Ghali.

Non si finisce mai di ascoltare.

Lavoro. Tanto, per fortuna. Continuano i piacevoli corsi di formazione sul web marketing nelle medie piccole imprese della Lombardia.

Affascinante è stato partecipare al progetto di lancio del nuovo sito di una società che si occupa di Facility Management. Per loro ho anche scritto una trentina di articoli che finiranno nel blog.

Ho fatto parte anche del team creativo impegnato nella gara per il rilancio del secondo produttore italiano di alimenti aproteici. Roba tosta. Incrociamo le dita.

E poi sto scrivendo i testi per un famoso produttore di pollo allo spiedo, il più conosciuto nel nord Italia. Si definisce il mago dello spiedo, quindi avete capito di chi si tratta.

Le ultime dal magico mondo del Web e Social Marketing.

La settimana scorsa sono stato al tradizionale appuntamento con il Social Media e Community Management, nel quale Andrea Albanese, ideatore della Community, ha raccontato le ultime novità sul magico mondo del Web e Social Marketing.

Ecco, in pillole, le cose più rilevanti (e interessanti) emerse:

Finalmente, anche su YouTube arrivano le “Breaking News”.

Albanese dice: “YouTube ha un motore di ricerca pessimo e Facebook se lo sta mangiando. Confermo.

I giovani (in particolare gli adolescenti come mia figlia Sofia) stanno scappando da Facebook. Per andare su Instagram e Snapchat.

Su Facebook arriva il Marketplace per vendere e comprare oggetti. Ci mancava. O no?

Google Maps: la funzione ricerca parcheggi arriva anche in Italia.

Arriva anche da noi la app anonima Sarahah che raccoglie i dati degli utenti. Non ci mancava.

Negli USA debutta Facebook Watch per la produzione di contenuti video originali.

Il creatore del fenomeno “Gianluca Vacchi” si chiama Mirko Scarcella.

Facebook blocca le adv delle pagine che condividono le fake news. Mi sembra giusto.

Durante l’incontro ho avuto modo di conoscere Massimiliano Leva, uno dei (tanti) Social Media Manager di Repubblica.

Appunti dopo le vacanze.

In vacanza tutto bene, mi sono riposato cercando di staccare più spine possibili.

La cosa più bella che ho visto? La città di Lubiana, una piacevolissima sorpresa.

 

 

 

 

 

 

 

 

E adesso si riprende.

In questi giorni non vorrei essere nei panni dei social media manager di Carpisa e Buondì Motta. E già che ci sono confesso che a me lo spot della mamma incenerita dall’asteroide piace un sacco. Alla faccia di chi non possiede neanche un briciolo (diciamo un granello zuccherato) di sense of humour.

Ho ripreso alla grande col lavoro: sto partecipando al lancio di un istituto italiano che rilascia diplomi di Image Consultant e sto collaborando ad un progetto di lead generation per una società che si occupa di allestimenti e stand fieristici. 

E poi il solito lavoro di routine per i miei clienti abituali.

Appunti prima delle vacanze.

Due mesi senza scrivere niente. Probabilmente non avevo cose interessanti da dire. Senza il probabilmente.

Nel frattempo però l’Antitrust ha inviato lettere di diffida ad aziende e blogger (tipo Chiara Ferragni, Fedez e Belen) invitandoli gentilmente a dichiarare se stanno facendo pubblicità ad un determinato brand nei loro post.

Ho rivisto un collega con cui lavoravo anni fa e stiamo cercando di capire come poter collaborare nuovamente insieme per proporre alle aziende servizi di web marketing.

A quei due a cui interessa, dirò che in questo periodo ho letto i seguenti libri: I Demoni di Fedor M. Dostoevskij e La neve era sporca di Georges Simenon, e sto leggendo (in contemporanea) il primo volume dei Racconti di Cechov (quelli editi dalla Bur negli anni 80) e il saggio Propizio è avere ove recarsi di Emmanuel Carrere.

E ai restanti tre lettori affezionati dirò che, parlando di lavoro, mi sono occupato di Gamification (se non sapete cos’è leggetelo qui su Wikipedia) per diversi clienti, e ho contribuito al lancio digitale di un servizio di “profumi personalizzati fai da te” che comprende Adwords e Facebook Ads. Oltre a tutto il solito lavoro routinario sui soliti clienti fedeli.

Buone vacanze (io sarò, se tutto va come deve andare, a Graz, Bratislava, Budapest, Lago Balaton e Lubiana. Mitteleuropa, insomma).

Appunti del 30 maggio 2017: cose di lettura e di lavoro.

La notizia importante (ma che forse a molti non fregherà nulla) è che ho iniziato I Demoni di Fëdor Michajlovič Dostoevskij.

Vi tengo aggiornati. Per il momento (sono a pagina 55) e me la sto cavando bene.

Di conseguenza ho terminato Tutto da capo di Cathleen Schine. Carino, ma non di più.

Cose di lavoro: sto lavorando al concept (si dice così adesso) del nuovo sito della società per cui sto collaborando intensamente.

Da loro sto anche lavorando al lancio di un e-commerce di una società che si occupa di fragranze per profumi personalizzati, compresi i packaging. Un business che sta prendendo piede in Italia.

Nei ritagli di tempo, sto aiutando una mia amica che si occupa di traduzioni professionali a movimentare un po’ il suo business sulla rete (Facebook, Twitter e, forse, sito).

Infine, ho terminato un lavoro relativo alla ricerca di un visual concept (arieccolo) per una azienda leader nella produzione di tegole e coppi.

Appunti del 23 maggio 2017: libri abbandonati e campagne teaser.

Oggi, andando in ufficio, ho visto una catasta di roba ammonticchiata su un marciapiede. Evidentemente qualcuno che ha fatto un trasloco o che ha sgomberato una cantina o un solaio.

Davvero un sacco di roba. Vecchi sacchi di iuta da cui uscivano scarponi da sci arrugginiti, piccola mobilia, vecchie lampade rotte, documenti medici etc.

Ma, udite udite, anche un paio di sacchi e un baule da viaggio contenenti numerosi libri vecchi, ingialliti e ammuffiti, prevalentemente in lingua francese, ma anche in italiano. Soprattutto poesie.

Sembrava tutto abbandonato e in attesa di venire portato in discarica.

Così ho arraffato i primi tre libri che ho trovato e li ho portati via.

Non si abbandonano così i libri. Vergogna.

Ne approfitto per segnalare il glorioso ritorno di una pubblicità “teaser”, vista ieri in metropolitana.  Ai miei giovani lettori, che non sanno cosa siano i teaser, consiglio di andare ad informarsi in rete.

Non mancherò di pubblicare il seguito.