Un perfetto esempio di “blog di viaggio” e del perché TripAdvisor ha ancora un notevole successo.

Ben tornati a tutti. A proposito di vacanze, voglio segnalarvi il blog di viaggio del mio amico e collega Roberto Fuso Nerini. Il blog si chiama Travelling Fuso ed è un perfetto esempio di come si possa utilizzare un blog (in questo caso su WordPress) per raccontare una vacanza. Roberto (in viaggio con la moglie Barbara) è appena tornato dalla Baja California, Mexico e ha raccontato per filo e per segno le loro quotidiane avventure. Si legge sulla pagina di presentazione del blog: “Questo blog nasce per raccontare la passione per i viaggi e per lasciare traccia di una nuova esperienza che sta per iniziare.”

Roberto ha uno stile di scrittura molto piacevole e ironico ed è stato appassionante seguirlo in ogni suo spostamento. Siccome anche lui si occupa di web marketing come me, non ha fatto a meno di scrivere un post sul costante successo che sta avendo TripAdvisor, anche in terra messicana. Leggete cosa scrive Roberto su TripAdvisor:

Ossessione TripAdvisor. Tutti ne parlano. Ovunque se ne parla.

E’ stato uno dei tormentoni della nostra estate messicana.
Bed and breakfast, ristoranti, locali. La domanda alla fine (spesso all’inizio) era: “come ci avete conosciuti e soprattutto scelti”?
Fino a due anni fa l’ovvia risposta sarebbe stata, Lonely Planet. Oggi, TripAdvisor. Ed è la risposta che tutti si aspettano.
Lo score e il ranking su TripAdvisor sono l’obiettivo. E il risultato di eccellenza (da 4 punti, 4 e 1/2 in su) esibito in bella vista con gli attestati personalizzati.
Le conseguenze?
Lo sforzo per elevare e mantenere alto il livello della reputazione on-line si traduce in vantaggi immediati per l’utente: attenzione al servizio, pulizia, qualità dell’offerta, gentilezza, diversificazione (a volte anche solo in piccoli dettagli) dai concorrenti.
Spesso, in maniera un po’ “ruffiana”: richieste esplicite di commenti positivi o attenzioni particolari per ottenerli. Un ristorante di San Josè del Cabo, alla nostra dichiarazione su come lo avevamo scoperto, ci ha portato e offerto un complimentary dessert. Casuale?

Perché il giornalismo non può più fare a meno della rete.

Ieri nell’inserto economico Affari&Finanza in edicola con Repubblica, mi ha colpito la rubrica Backstage di Simone Marchetti che parlava di un tema a me molto caro, quello dei Social Network e delle loro straordinarie risorse messe a disposizione a chi vuole comunicare con efficacia sulla rete. Ecco cosa racconta Marchetti:

Marzo 2012. Sfilata di un marchio di moda. In seconda fila due giornaliste di moda italiane parlano a voce alta. La musica, in sala, è assordante. La prima chiede chi siano, in quinta fila, quelle persone sedute di fianco ai colleghi. La seconda risponde che non lo sa, forse sono infiltrati. Dietro di loro, un redattore di qualche anno più giovane spiega: sono alcuni fashion blogger. “C’è la ragazza famosa”, sottolinea citando il relativo sito, “il ragazzo che aiuta la Camera nazionale della moda, quella che si spaccia per blogger e invece fa consulenze di marketing e quello che aiuta un’ex giornalista televisiva convertita a internet”.
Le due fanno occhi da pesce lesso. “Non ci interessano i blogger”, dicono. “Non abbiamo mica tempo per guardare tutti i siti che spuntano come funghi. Del resto, non abbiamo nemmeno un profilo su Facebook. E Twitter, per noi, è un cicaleccio per ciarlatani. Vuoi mettere i nostri articoli e i nostri redazionali di moda? La loro qualità, il loro potere d’informazione”. “Oggi però”, continua il collega più giovane, “le nuove generazioni si informano su tablet e cellulari, controllano più i Social Network di quotidiani e periodici e chiedono nuove modalità di giornalismo. I blogger, poi, vivono attaccati ai risultati di Google Analiytics e sfruttano al massimo le potenzialità dei nuovi mezzi di comunicazione”. “Google che? Guarda che il motore di ricerca lo so usare anch’io”, taglia corto la giornalista. “Ma no! Google Analytics è un’altra cosa… Però non fa nulla, sta per iniziare la sfilata”, taglia corto il collega.
In questo siparietto, divertente e allarmante, sta la spiegazione del cortocircuito in atto nell’informazione di moda (e non solo) di oggi. Da una parte ci sono i blogger, bravissimi a maneggiare le nuove tecnologie. Dall’altra, la maggior parte dei giornalisti, arroccati nell’accademia dell’altro ieri. All’estero, però, pochi (ma buoni) blogger stanno imparando la professionalità dei giornalisti, mentre molti reporter si stanno appropriando dei mezzi dei blogger. Domanda: perché in Italia questo processo è ancora agli albori?

E voi di che categoria fate parte? Giornalisti di oggi (e di domani) o giornalisti di ieri?

Fonte: Affari&Finanza – La Repubblica

Complimenti a Costa Crociere: ecco come si gestiscono blog e social network in caso di naufragio.

La tragedia la conosciamo tutti, purtroppo, anche i muri. E’ proprio per questo motivo che non voglio tornare su quanto successo all’isola del Giglio, perché se ne sta già parlando in decine di altri siti e blog.

Lo scopo di questo post è quello di raccontare la professionalità e la scelta strategica adeguata con cui l’azienda Costa Crociere ha voluto comunicare, e di conseguenza gestire, la vicenda e il probabile disastro d’immagine che poteva scatenare.

La notte dell’incidente, quando ancora nessuno tra i principali siti di informazione aveva pubblicato la notizia, sul blog ufficiale di Costa Crociere sono apparsi due post (all’una e alle cinque del mattino) dal contenuto molto formale in cui si comunicava ciò che stava accadendo nei pressi del Giglio. Qui il primo post e qui il secondo.

Andando a memoria, credo che si tratti della prima volta in cui un’azienda italiana in un momento tragico e delicato come quello del naufragio di una sua nave, decide di informare così tempestivamente la clientela attraverso la rete. E facendolo senza farsi prendere dal panico e quindi sfruttando la rete nel modo migliore.

Un blog aziendale non è una vetrina o un catalogo prodotti. Un blog aziendale è un posto, uno spazio, una bacheca, in cui poter comunicare cose che non riguardano necessariamente l’aumento del fatturato e delle vendite. E Costa Crociere questo lo sa bene e la testimonianza di ciò l’abbiamo avuta sotto gli occhi  la notte della tragedia.

Inoltre l’azienda ha anche dimostrato di sapersi muoversi nel rutilante mondo dei social network, decidendo di lasciare aperta a tutti la bacheca della pagina Facebook.

Un comportamento che alla lunga ha pagato: infatti il commento delle 5 di notte pubblicato su Facebook , è piaciuto a 2.811 persone.

E scusate se è poco.

Marketing dal basso: cosa succede se i consumatori lanciano le idee ai produttori.

Gli ultimi casi di cronaca legati alle morti dei bambini dimenticati in macchina dai genitori distratti, hanno turbato così tanto una mamma-blogger di nome Chiara la quale ha pensato di utilizzare la forza di Facebook per farci una bella discussione tra mamme. L’idea di Chiara, che ha già raccolto un centinaio di commenti, sta portando a dei risultati concreti tra cui la proposta (lanciata ai produttori di seggiolini) di inserire dei sistemi acustici di allarme per segnalare l’eventuale rischio di abbandono del bambino in macchina. L’idea semplice e intelligente di Chiara, unita alla straordinaria reattività del Social Network più diffuso al mondo, è un tipico caso di Web 2.0 e di discussione che parte dal basso (consumatori) sperando che arrivi alle orecchie dei costruttori. Proprio per questo motivo Chiara, nel corso della discussione su Facebook, ha coinvolto anche i responsabili di Inglesina, nota marca produttrice di carrozzine e seggiolini per bambini, non ottenendo però, al momento, nessuna risposta.

Qui trovate un altro caso di successo legato al marketing che parte dal basso.

Casi di successo: il blog di Eugenio Comincini, sindaco di Cernusco sul Naviglio.

Oggi voglio segnalarvi un altro interessante caso di comunicazione sulla rete, quello di Eugenio Comincini, sindaco della città dove vivo e lavoro, Cernusco sul Naviglio. Eugenio, giusto giusto un anno fa, incalzato da amici e collaboratori, ha deciso di raccontare la sua esperienza di sindaco aprendo un blog e utilizzando quegli straordinari megafoni chiamati Social Network (Twitter e Facebook in particolare) per confrontarsi con la cittadinanza. Una scommessa che Eugenio ha vinto alla grande, considerando che sono parecchi i suoi colleghi politici, che dopo aver aperto un blog,  lo hanno mestamente chiuso dopo qualche mese. Comincini invece ci ha sempre creduto e oggi, proprio dalle pagine del suo blog, annuncia con orgoglio i risultati ottenuti in questo primo anno di vita sulla rete.

Ecco cosa scrive Eugenio Comincini sul suo blog:

Il 19 maggio del 2010 avviavo l’avventura di questo mio blog, concepito come uno strumento per parlare alle persone, volendo interagire come persona.

Ad un anno di distanza posso fare un primo bilancio di questa esperienza: ringraziando chi mi ha accompagnato nel realizzare e curare questo blog, sono contento di aver avuto la possibilità di raccontare quanto stiamo realizzando per la nostra città e potermi esprimere su altre questioni (politiche o meno) che mi stanno a cuore; il tutto con la possibilità di interagire con le persone che hanno deciso di leggermi (in maniera più o meno occasionale).

Non sono un genio dei new media, però sono soddisfatto di quanto ho imparato e dei frutti ottenuti dall’utilizzo del blog, come pure dei miei profili Facebook e Twitter, oltre che dello spazio foto sula mia pagina Flickr e dei video (pochini per la verità) sul mio spazio YouTube.

Il post completo lo trovate qui.

I segreti di questo blog? Una grafica pulita e semplice, un aggiornamento costante, una buona varietà di contenuti e soprattutto un costruttivo dialogo con i visitatori, che hanno apprezzato lo sforzo e tornano frequentemente a visitare il blog.

Abitando a Cernusco sul Naviglio, ho avuto modo di conoscere personalmente Eugenio e sono al corrente delle difficoltà che ha dovuto superare all’inizio di questa sua avventura mediatica, difficoltà che poi, per forza di cose, si sono materializzate periodicamente durante il mantenimento e l’aggiornamento del blog e delle pagine di Twitter e Facebook. Ma la sua tenacia e la sua costanza lo hanno aiutato a mantenere le promesse e adesso il blog è uno strumento importantissimo, sia per lui che deve dialogare con i cittadini e tenerli informati sui fatti di Cernusco e sul programma della sua giunta, sia per gli abitanti di Cernusco che cercano di avere e mantenere un costante dialogo con il primo cittadino della loro città.

Complimenti quindi a Eugenio e al suo staff, in particolare all’assessore allo Sport, Commercio e New Media Ermanno Zacchetti, che ha dato una mano davvero preziosa a Eugenio nel non desistere dal suo impegno.

Un lavoro a cui tengo in modo particolare: il blog di “E”, la rivista mensile di Emergency.

Quando Gino Strada ha chiesto a Gianni Mura, storico giornalista sportivo di Repubblica,  se se la sentisse di diventare il direttore del mensile di Emergency, la sua risposta è stata immediata: “Se me lo chiede la famiglia Strada, non posso rinunciare”.

Mi sono trovato nella stessa situazione quando Gianni Mura mi ha chiesto se mi andava di aprire il blog dei lettori di E.

E così è nato PazzoPerE, il blog dei lettori di E. Il blog ha una decina di giorni di vita e quindi è presto per tracciare un bilancio. Tornerò sicuramente a scriverne appena avrò qualcosa di utile e interessante da raccontare, sperando di darvi buone notizie.

Se intanto però volete abbonarvi a E, il mensile potete farlo a questa pagina. Credo che sia per una buona causa.