Appunti di martedì 28 marzo: #Ratingen, #scambio formativo linguistico, #Cernusco sul Naviglio, #Goethe, #Alberto Manguel, #Pestalozzi Schule.

Ieri mia figlia Sofia è andata a Ratingen, vicino a Dusseldorf, per una settimana di scambio formativo linguistico in una famiglia tedesca. Victoria, la ragazza la cui famiglia ospita Sofia, verrà a sua volta a Cernusco sul Naviglio a ottobre.

Casualmente, in questi giorni, sto leggendo un libro che fa alcuni riferimenti a Goethe e alla lingua tedesca. L’autore, nativo di Buenos Aires, racconta di quando frequentò per un anno la Pestalozzi Schule della capitale argentina. L’insegnante di tedesco ammonì i suoi allievi così dal primo giorno: “Vi goethizzerò parecchio”.

Ecco, spero che la famiglia che ospita Sofia la goethizzi parecchio, questa settimana.

Per curiosità sono andato a vedermi il sito del Comune di Ratingen: è molto datato e soprattutto non è responsive. Per fortuna hanno una pagina Facebook, ma con solo 700 fan.

Da non crederci: il calzolaio che va in giro con le scarpe aggiustate.

Ebbene sì, dopo averne create numerose per i miei clienti, ho finalmente trovato il tempo di aprire  la pagina Facebook di Enrico Maria Porro Comunicazione. La trovate a questo link, mentre nella foto potete vederne un’anteprima.

Sulla mia (nostra) pagina Facebook non si parlerà solo di me (noi) e dei miei (nostri) progetti e servizi, ma anche di pubblicità e comunicazione a 360° dedicandoci al racconto di quello che succede intorno al mondo della creatività online e offline, segnalando eventuali campagne pubblicitarie, progetti internet ed eventi che hanno colpito la mia (nostra) curiosità.

E, perchè no, ricordando alcune campagne storiche o storici creativi e pubblicitari che hanno fatto la storia di questa disciplina.
Strizzando l’occhio a quegli anni in cui le vacche erano veramente grasse.

Inutile dirvi di andare a vederla e , se volete, cliccare sul fatidico “mi piace”.

Comunicare sulla rete: un piccolo caso di successo a Cernusco sul Naviglio.

Con questo post vorrei inaugurare un appuntamento settimanale (questo è l’augurio) nel quale raccontare dei casi di successo che ho incontrato sulla rete relativi alla pratica di utilizzo del mezzo internet per fare comunicazione. Piccole case history di Web Marketing per spiegare, soprattutto a voi che avete una piccola impresa magari in provincia, come si possa fare, con un po’ di buona volontà, della buona comunicazione pubblicitaria utilizzando la rete e i suoi infiniti strumenti.

Comincio col raccontarvi l’esperienza di una piccola realtà di Cernusco sul Naviglio, il paese dove vivo e lavoro, che si chiama Grotta di Sale. Grotta di Sale Un mare di benessere a due passi da casa è un’idea che nasce dall’Haloterapia, una terapia naturale basata sulla somministrazione per via inalatoria di cloruro di sodio medicale micronizzato, e propone delle sedute terapeutiche in una stanza completamente ricoperta di sale di miniera (foto). Grotta di Sale fa parte di una catena di centri in franchising del gruppo Halotherapy.

L’idea è di per sè straordinaria e quindi attira da sola l’attenzione di potenziali clienti. Grotta di Sale, dopo aver realizzato il sito, il 25 ottobre scorso, circa un mese prima dell’inaugurazione, ha aperto la pagina su Facebook che, ad oggi, conta 64 iscritti. Sono tanti? Sono pochi? Non lo so. So solo che sono un numero giusto di potenziali clienti che si sono iscritti ad una pagina in cui possono ascoltare ciò che ha da dirgli Grotta di Sale e a loro volta farsi ascoltare, dicendo la loro. E qui torniamo a quanto vi ho scritto qualche post indietro in merito alla reputazione online. Io mi sono iscritto alla pagina di Grotta di Sale, intanto perchè sono un potenziale cliente (soffro di rinite allergica) e poi perchè voglio scoprire cosa hanno da dirmi di nuovo e, casomai, dire la mia. Il lavoro fatto fin qui sulla pagina, è egregio. L’attività è frequente e varia e la risposta degli iscritti è discreta. La bacheca della pagina viene utilizzata per diversi scopi: per esempio per comunicare che “La Grotta sarà aperta anche martedì 7 dicembre” oppure per annunciare orgogliosamente che “Il primo giorno di apertura Sabato 4 ha fatto TUTTO ESAURITO !! E tutti hanno fatto già la tessera, fantastico !!” o che “Scusate se non riusciamo ad accogliervi tutti, la grotta sta avendo molte più prenotazioni di quante ne possa gestire ! Consiglio: chiamate con largo anticipo!”. Insomma, un successo, non so se dovuto alla pagina Facebook o ad altro, ma sicuramente l’attività di social network ha fatto la sua parte. La pagina Facebook di Grotta del Sale è stata pubblicizzata anche sul sito, come è giusto che sia. La notizia dell’apertura di Grotta di Sale ha cominciato a girare e dell’inaugurazione ne ha parlato anche il blog Mamme nella rete in un interessante post in cui Sandra, l’ideatrice di tutto, racconta tramite un filmato la nascita di Grotta di Sale. Il post ha ricevuto un commento da una cliente entusiasta: “Per la prima volta dopo 5 sedute, a mio figlio è passato il catarro continuo che aveva da ottobre ! Grazie Grotta di Sale !!”. E queste sono piccole soddisfazioni.

Complimenti dunque a Sandra e alla sua idea. Ma soprattutto complimenti per l’attività di Web Marketing fin qui svolta che le ha permesso di lanciare e divulgare la sua idea. Vi terrò aggiornati su eventuali sviluppi del lavoro di Web Marketing svolto da Grotta di Sale.

Se anche voi avete un’idea o un prodotto da lanciare e volete utilizzare la rete per comunicarlo non esitate a contattarmi. Una chiaccherata non guasta mai.