Appunti di lavoro.

Due righe veloci su quello che ho fatto in questi primi tre mesi del 2017.

Ho lavorato ad una campagna pubblicitaria, sia carta che web, per il rilancio di un noto colorificio italiano.

Ho partecipato ad una gara per la promozione di alcuni servizi di una nota associazione di optometristi di Singapore.

Sto supervisionando la pagina Facebook di una marca di acque minerali del nord Italia. Per la stessa azienda ho realizzato alcune pagine pubblicitarie per magazine del settore food e turismo.

Sto partecipando ad una gara per il lancio nel Middle East di un condizionatore con la Inverter Technology.

Stessa cosa per una gara relativa ad una web series per una nota marca italiana di autonoleggio.

E poi, nei ritagli di tempo, continuo il lavoro di social network management per le due attività di mia moglie (qui e qui i siti delle due attività).

Per privacy ho preferito non nominare e linkare i clienti e le agenzie per cui ho lavorato e collaborato (tranne per le cose di famiglia). Se proprio volete sapere i nomi, chiedetemelo in privato.

Appunti di mercoledì 29 marzo: #ChiaraFerragni, #Instagram, #OssoMagazine, #PeugeotItalia, #StefanoAccorsi, #sensationdrive.

Fagocitato da mia figlia Sofia, sto seriamente prendendo in considerazione di studiare il fenomeno social di Chiara Ferragni.

Qui il suo profilo Instagram (quasi 9 milioni di follower), dove Chiara racconta per filo e per segno, in una sorta di diario mediatico, tutto quello che fa durante il giorno.

Non vi prometto niente, però la cosa merita davvero una case history particolare.

Vi segnalo poi Osso Magazine, un portalone di artisti (la definizione è mia) fondato nel 2014 da Maddalena Crespi e Tea Pavanetto, che raccoglie le ultime novità legate a arte, design, musica, illustrazione, film e fotografia (foto). Qui la pagina Facebook di Osso Magazine.

Segnalo infine la bella webserie di Peugeot Italia con protagonista Stefano Accorsi, un simpatico esempio di branded content composta da sei episodi introdotti da un prologo e commentata sui social con l’hashtag #sensationdrive.

Appunti di martedì 28 marzo: #Ratingen, #scambio formativo linguistico, #Cernusco sul Naviglio, #Goethe, #Alberto Manguel, #Pestalozzi Schule.

Ieri mia figlia Sofia è andata a Ratingen, vicino a Dusseldorf, per una settimana di scambio formativo linguistico in una famiglia tedesca. Victoria, la ragazza la cui famiglia ospita Sofia, verrà a sua volta a Cernusco sul Naviglio a ottobre.

Casualmente, in questi giorni, sto leggendo un libro che fa alcuni riferimenti a Goethe e alla lingua tedesca. L’autore, nativo di Buenos Aires, racconta di quando frequentò per un anno la Pestalozzi Schule della capitale argentina. L’insegnante di tedesco ammonì i suoi allievi così dal primo giorno: “Vi goethizzerò parecchio”.

Ecco, spero che la famiglia che ospita Sofia la goethizzi parecchio, questa settimana.

Per curiosità sono andato a vedermi il sito del Comune di Ratingen: è molto datato e soprattutto non è responsive. Per fortuna hanno una pagina Facebook, ma con solo 700 fan.

Appunti del weekend (25-26 marzo): #TrattatidiRoma, #PapaFrancescoaMilano, #ArmandoTesta, #Triplicate, #SingularityU, #Squarespace, #Cappella Espiatoria.

Il weekend che sta per chiudersi verrà ricordato per i due eventi di Roma e Milano, rispettivamente il vertice dei grandi d’Europa per celebrare i sessant’anni del Trattato di Roma e la visita di Papa Francesco nella città meneghina.

A sentire i telegiornali, specialmente il TG5, sembrava che a Milano stesse per arrivare l’uragano Katrina, non Francesco: “Allerta massima, sicurezza a rischio, forze dell’ordine schierate”. Cos’è, la guerra? Idem a Roma.

E infatti non è successo praticamente nulla.

Per la visita del Papa a Milano è stato addirittura creato un sito, neanche così malvagio. Serviva raccogliere info per il circa milione di fedeli che attendevano il Pontefice al Parco di Monza. Surclassato Ligabue.

Questo weekend, per fortuna, non è morto nessuno. Di famoso, ovviamente. Vi ricordo che ho postato questa roba alle 15.30, quindi la domenica è ancora lunga.

A proposito di famosi scomparsi, famosi bravi, giovedì scorso era il centesimo anniversario della nascita di Armando Testa, probabilmente il pubblicitario italiano più conosciuto nel mondo (se la gioca con Gavino Sanna ed Emanuele Pirella).

Una pagina, giovedì scorso su Repubblica, ricordava il centenario della nascita di Armando Testa (prima foto).

Ad aprile uscirà Triplicate il nuovo album triplo di Bob Dylan (seconda foto).

Il 27 e il 28 settembre tenetevi liberi. A Milano si terrà il summit SingularityU Italy. Io me lo segno, ma prima devo trovare 1.190 euro.

Ho scoperto Squarespace, una nuova piattaforma CMS (terza foto) per creare siti “home made”. Gli dò un’occhiata e poi vi dico.

Chiudo con una nota romantica. Leggo sul Corriere Milano di un decina di giorni fa (eh sì, ho un sacco di arretrati) che a Monza (dove sono nato 54 anni fa) hanno riaperto al pubblico la Cappella Espiatoria (quarta foto), monumento a due passi dalla Villa Reale fatto realizzare da Vittorio Emanuele III sul luogo dove fu assassinato il padre, Umberto I. Lo scrivo perché davanti a questo posto ci sono passato ogni giorno per cinque anni quando andavo all’Istituto Statale d’Arte .

 

 

 

Appunti di giovedì 23 marzo:#Attentato Londra, #Alfredo Reichlin, #Cino Tortorella, #Anobii, #Settimana Enigmistica, #Art Garfunkel,#Art Kane, #Alessandra Mussolini

Chi mi legge regolarmente sa già che ieri sono stato al sono stato al Forum dell’Economia Digitale. Qui le mie considerazioni.

Due giorni fa è morto Alfredo Reichlin, oggi ci ha lasciato Cino Tortorella, alias Mago Zurlì. Non esattamente un bel periodo. RIP RIP.

Dell’attentato di ieri a Londra non saprei che dire. Mia figlia Sofia sarà nella capitale inglese per tre settimane a luglio. Forse è per questo che non ne voglio parlare. E comunque i giornali ci stanno mettendo del loro.

Passiamo a cose più leggere.

Questa è la mia pagina Anobii.

Trovo sempre più spesso nelle parole crociate della Settimana Enigmistica la definizione di tre lettere: “In pubblicità precede director”. Che poi andrebbe bene pure “il nome di Garfunkel. E visto che in questo blog si parla spesso di pubblicità, potrebbe anche essere “il nome di Kane.

Tra le altre notizie del giorno, quella di Alessandra Mussolini che ha aperto una pizzeria al taglio. Mi raccomando Alessandra: sotto coi social.

A domani, forse.

Dal Forum dell’Economia Digitale una conferma: chi non investe sul digital resta indietro.

Oggi sono stato al Forum dell’Economia Digitale organizzato da Confindustria e sponsorizzato, alla grande, da Facebook. Ed è proprio di Facebook che si è parlato prevalentemente, che poi è anche il motivo per cui ho partecipato al Forum.

Come sempre, in sala, era più la gente che chattava e/o postava, di quella che guardava e/o ascoltava.

Oggi ho avuto l’ennesima conferma che, in questo preciso momento storico, chi non investe sul digital e sui social in particolare, resta indietro. Nessuna novità rilevante, quindi, però un’importante conferma, che smentisce le voci su una possibile crisi di Facebook.

Tra le cose interessanti che mi sono appuntato, almeno fino a che sono rimasto, ci sono queste:

Il 60% dei ragazzi sta studiando per fare un lavoro che ancora non esiste (Marco Gay, Presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria).

Siamo al 25esimo posto in Europa per lo sviluppo digitale. Sembra una buona notizia ma potrebbe anche non esserlo (Marco Gay, Presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria).

Nel 2020 il 75% dei contenuti condivisi sui device saranno video (Laurent Solly, Direttore Facebook per il Sud Europa).

E poi, segnalo la bella storia della Birra Baladin, realtà del cuneese, raccontata dal suo fondatore Teo Musso. Baladin, per arrivare dov’è arrivata, ha puntato tantissimo sui social. Chapeau.

Tra gli interventi, interessanti quello di Giovanni Malagò, Elisa Di Francisca e Gregorio Paltrinieri che hanno parlato del rapporto tra lo sport e i social. E quello di Andrea Guerra, Presidente Esecutivo Eataly.

Grandissimo, come sempre, Marco Montemagno, che ha presentato l’evento insieme a Stefania Pinna.

Appunti di martedì 21 marzo 2017: #parliamonesabato, #GiornataMondialeDellaPoesia, #InverterTechnology, #FilettiDiAringa.

Su Twitter si è un po’ raffreddata la polemiche sulla trasmissione televisiva Parliamone Sabato che ha presentato i sei motivi per scegliere una fidanzata dell’Est (foto 1). Il popolo dei social, soprattutto quello femminile, è insorto. Giustamente.

Oggi pensavo di farla franca con il tormentone delle Giornate Mondiali, finché non ho aperto Twitter scoprendo che è la Giornata Mondiale della Poesia. Non se ne può più.

Oggi sto lavorando ad una campagna per il lancio nel Middle East di un condizionatore con la Inverter Technology. Se volete sapere cos’è, non ve lo spiegherò. Troppo complicato.

Ho iniziato a leggere Diario di un lettore (foto 2) di Alberto Manguel. Vi saprò dire.

La brasserie da cui passo via (quasi) ogni mattina ha aumentato il prezzo dei filetti d’aringa marinati (foto 3). Pace, sopravviveremo.

A domani, forse.

 

Perché è importante comunicare (bene) sulla rete.

Da qualche tempo, nel mondo della comunicazione pubblicitaria, lo scenario è cambiato: le vecchie forme di comunicazione sono entrate in crisi a causa della nascita di nuovi mezzi di comunicazione legati a internet. Non parlo di banner e di siti vetrina: quelli appartengono al cosiddetto “Web 1” quando ancora internet era solamente un altro mezzo di comunicazione che si andava ad aggiungere a quelli tradizionali offline tipo la televisione, i giornali, le affissioni, le radio etc… Parlo del fenomeno chiamato “Web 2”: mentre prima la comunicazione su internet veniva gestita e creata interamente dal cliente autore del sito, adesso i contenuti e gli argomenti li decide il visitatore, è lui che stabilisce cosa dire di un determinato prodotto e se premiarlo o meno. Il suo giudizio il consumatore lo esprime sui blog, sui forum e sui social network. E così la gente va sulla rete e dice la sua sul prodotto che ha utilizzato un minuto prima. I clienti, col tempo, si stanno accorgendo di questo, scoprendo che la gente è sempre più connessa alla rete, tramite gli smartphone, i pc portatili, la banda larga etc… Questo significa che se un’azienda vuole raggiungere il suo target deve andare a prenderlo direttamente sulla rete: è lì che si trova. Quello che prima si raccontava e si discuteva nelle piazze, nei bar e tra gli amici, adesso si dice sulla rete.

Quindi, in sostanza, quello che io propongo alle aziende è di sviluppare il loro business sulla rete, perché oggi non basta più avere un sito internet graficamente bello ed elegante, bisogna che quel sito sia raggiungibile prima di quello dei concorrenti e consenta a chi lo visita di dialogare con l’azienda per consigliare, chiedere ma anche criticare. Perché è un diritto di ogni cliente.

Inoltre essere online significa sapere chi visita il sito o il blog aziendale, cosa fa, cosa eventualmente scarica e saper dialogare con lui in forma diretta.

Nello specifico quello che propongo è:

–  apertura e gestione di blog aziendali, attraverso i quali parlare dei prodotti, delle novità aziendali etc…ma soprattutto ascoltare il cliente che è libero di commentare quello che gli stiamo dicendo. I blog piacciono molto ai motori di ricerca che, nel computo delle ricerce,  li premiano mettendoli in posizione privilegiata rispetto ai siti tradizionali.

–  ottimizzazione dei contenuti: per meglio farsi trovare dai potenziali clienti su Google

–  gestione e sviluppo dello strumento Google Adwords, acquisto di parole chiave a pagamento. Google Adwords è il sistema di pubblicità digitale in PPC (Pay Per Click) attualmente più utilizzato al mondo. Permette di far attivare degli annunci pubblicitari contestualmente alla ricerca di precise parole chiave all’interno del motore di ricerca Google.

–  eMail marketing (invii periodici di newsletter con  tracciabilità garantita) prima c’era il direct marketing, ma ciò che un’azienda inviava non si poteva sapere con esattezza se veniva letto. Adesso con l’invio via email sappiamo perfettamente se il nostro cliente ha letto la mail che gli è stata inviata e sappiamo anche se tramite quella mail è andato a visitare alcuni prodotti sul sito. In questo modo nella mail successiva potremo inviargli  informazioni aggiuntive e mirate sui prodotti visitati.

–  Web Reputation: i clienti sanno cosa dice la gente sulla rete del loro prodotto o del loro servizio? Pensano che se ne parli bene o invece che tutti ne parlino male? Alcuni clienti muoiono dalla voglia di sapere come li giudicano i consumatori.

Per qualsiasi altra informazione non esitate a contattarmi.

Le aziende su Instagram: esserci per forza solo perché è di moda.

Nell’epoca dell’apertura frenetica di pagine e canali social alcuni suggerimenti sull’utilizzo di Instagram per le aziende.

stacy Oggi parlerò di Instagram.

Uno dei difetti delle aziende italiane, grandi-medie-piccole che siano, è quello di essere presenti a raffica su tutti i social solo perché quei social sono di moda, o solo perché la gente ne parla e se ne parla sui media.

Prendiamo appunto il caso di Instagram, per esempio.

Instagram è il social che insieme a Facebook ha avuto il più alto tasso di incremento nell’ultimo anno. La tipologia di aziende più presenti su questo social appartengono al Food, al Beverage e all’Enterteinment, e colpisce il dato che fissa il Travel al nono posto*.

Nell’ultimo anno le aziende si sono precipitate ad aprire il loro profilo aziendale Instagram.

E poi?

Dopo qualche settimana di fotografie postate senza capo né coda, la frenesia (fortunatamente) è finita. E adesso Instagram è diventato, per loro, un canale muto. Il peggio che potesse accadere.

Ciò significa che dietro alla scelta di aprire un canale social, non c’è una strategia ben precisa e, peggio ancora, non ci sono risorse e cervelli.

Inoltre, la maggior parte delle aziende non sa che prima di aprire un profilo Instagram bisogna accertarsi che il pubblico di riferimento sia lì. Perché non è detto che lo sia. Magari se ne sta beatamente da un’altra parte.

Ma facciamo finta che il target sia lì, su Instagram: siamo sicuri di avere qualcosa di interessante da raccontargli? E ancora, abbiamo visto cosa fa la concorrenza? C’è o non c’è su? Come si comporta? Fa solo branding selvaggio o fa anche Storytelling interessante?

Tutte cose che vanno esaminate, prima di farsi prendere dalla foga di aprire un profilo aziendale.

Vi lascio con una notizia: la rivista americana Time, che premia annualmente il miglior account Instagram, ha premiato per il 2015 Stacy Kranitz, che non è un’azienda ma una persona, per avere utilizzato Instagram “nel modo in cui dovrebbe essere usato: per testimoniare le cose mentre accadono”.

Intanto, se volete qualche consiglio su come migliorare la vostra presenza sui social media, scrivetemi. Sarò felice di scambiare due chiacchiere con voi.

Nella foto l’account di Stacy Kranitz.

* Dati tratti dalla ricerca “La SocialMediAbility delle aziende italiane” dell’Osservatorio IULM sui Social Media in collaborazione con BlogMeter di cui ho parlato in questo articolo.

Cresce la SocialMediAbility delle aziende italiane, ma c’è ancora tanto da fare.

osservatorio iulm social mediaIl 28 gennaio scorso ho partecipato all’evento La SocialMediAbility delle aziende italiane, in cui l’Osservatorio IULM sui Social Media (in collaborazione con BlogMeter) ha presentato i risultati della consueta ricerca annuale sull’utilizzo dei canali social da parte delle aziende italiane.

Seppur in crescita, l’indice medio della SocialMediAbility ci disegna uno scenario sconfortante: c’è infatti ancora tanta strada da fare affinché le aziende italiane scoprano le vere potenzialità del Social Media Marketing.

Ma vado con ordine.

La ricerca si è basata su un panel di 720 tra grandi, medie e piccole aziende italiane, selezionate tramite sorteggio, e suddivise in 6 categorie di appartenenza: Alimentare, Arredamento, Banche, Hospitality, Moda e Aziende appartenenti al cosiddetto B2B (manifattura, legno, gomma, plastica e metallurgia).

I principali dati emersi sono questi:

Il 25% delle aziende monitorate non possiede ancora un sito internet. Dato molto grave, considerata ormai l’importanza della rete nel rapporto con i consumatori
Il 73% delle aziende utilizza almeno un canale social. Dato confortante, se non fosse macchiato dal fatto che molte di queste hanno aperto il canale ma non lo hanno sviluppato
Cresce sensibilmente la presenza sui social delle PMI e si riduce quindi il divario con le grandi aziende rispetto alla ricerca dell’anno precedente
Facebook è di gran lunga il social più utilizzato con il 79%, seguito da YouTube con il 55% e da Twitter e Google+ con il 48%
Il 18% delle aziende che ha aperto un canale social non lo ha comunicato sul sito o comunque non ha i link social in evidenza sulla Home Page
Solo il 50% delle aziende ha una strategia social basata su un preciso piano editoriale, quindi un’azienda su due ha i social ma li usa senza testa (questo dato è comune a tutti i canali social attivati)
Su Facebook, quindi il social di gran lunga più gettonato, il 40% dei post è di carattere commerciale con protagonisti il brand e i suoi prodotti. Il 27% sono relativi ad eventi aziendali e solo il 16% dei post si possono classificare tra quelli “interessanti”, cioè quelli che producono davvero engagement, e creano relazioni e condivisioni tra i fan della pagina
La crescita dell’indice medio complessivo della SocialMediAbility (SMA) delle aziende è quindi modesto: si passa infatti dal 3.6 del 2013 al 4.2 del 2015, in un range da 1 a 10.

E’ chiaro che da questi dati emerge una situazione critica sull’utilizzo dei social media da parte delle aziende italiane.
Aziende che non hanno ancora compreso il vero significato della relazione con il target attraverso i canali sociali: la maggioranza di esse pensa, infatti, che sia sufficiente parlare di sé e dell’azienda con contenuti di carattere autoreferenziale per generare engagement e, magari, aumentare il fatturato. Ma purtroppo le cose non stanno così.

I social, infatti, non sono nati esclusivamente per aumentare le vendite, ma per sviluppare e migliorare la relazione con i (potenziali) clienti (il “Marketing Relazionale”), basandosi su una precisa strategia di “social caring” con fan e follower che, alla lunga, potrebbero diventare i perfetti testimonial dell’azienda e, perché no, anche acquistare e consigliare i prodotti che gli vengono proposti.

In sostanza, le aziende italiane usano i nuovi media come se fossero i vecchi media: la stessa strategia adottata per i canali offline (tv, stampa, radio) viene replicata per quelli online, che necessitano invece di argomenti e strategie decisamente diversi.

Al termine della presentazione è partita un’interessante tavola rotonda dalla quale sono emerse nuove e preoccupanti rivelazioni. Su tutte, quella che la maggior parte dei siti delle aziende monitorate non è responsive. E in un periodo storico in cui è avvenuto il sorpasso delle visite da mobile sulle visite da desktop, la cosa è deprimente.

La discussione ha portato anche a consigli e soluzioni per cercare di tamponare la gravità dello scenario che la ricerca ha svelato.

Ma di questo parlerò nel prossimo post.

Intanto, se volete qualche consiglio su come migliorare la vostra presenza sui social media, scrivetemi. Sarò felice di scambiare due chiacchiere con voi.