Appunti dopo le vacanze.

In vacanza tutto bene, mi sono riposato cercando di staccare più spine possibili.

La cosa più bella che ho visto? La città di Lubiana, una piacevolissima sorpresa.

 

 

 

 

 

 

 

 

E adesso si riprende.

In questi giorni non vorrei essere nei panni dei social media manager di Carpisa e Buondì Motta. E già che ci sono confesso che a me lo spot della mamma incenerita dall’asteroide piace un sacco. Alla faccia di chi non possiede neanche un briciolo (diciamo un granello zuccherato) di sense of humour.

Ho ripreso alla grande col lavoro: sto partecipando al lancio di un istituto italiano che rilascia diplomi di Image Consultant e sto collaborando ad un progetto di lead generation per una società che si occupa di allestimenti e stand fieristici. 

E poi il solito lavoro di routine per i miei clienti abituali.

Appunti prima delle vacanze.

Due mesi senza scrivere niente. Probabilmente non avevo cose interessanti da dire. Senza il probabilmente.

Nel frattempo però l’Antitrust ha inviato lettere di diffida ad aziende e blogger (tipo Chiara Ferragni, Fedez e Belen) invitandoli gentilmente a dichiarare se stanno facendo pubblicità ad un determinato brand nei loro post.

Ho rivisto un collega con cui lavoravo anni fa e stiamo cercando di capire come poter collaborare nuovamente insieme per proporre alle aziende servizi di web marketing.

A quei due a cui interessa, dirò che in questo periodo ho letto i seguenti libri: I Demoni di Fedor M. Dostoevskij e La neve era sporca di Georges Simenon, e sto leggendo (in contemporanea) il primo volume dei Racconti di Cechov (quelli editi dalla Bur negli anni 80) e il saggio Propizio è avere ove recarsi di Emmanuel Carrere.

E ai restanti tre lettori affezionati dirò che, parlando di lavoro, mi sono occupato di Gamification (se non sapete cos’è leggetelo qui su Wikipedia) per diversi clienti, e ho contribuito al lancio digitale di un servizio di “profumi personalizzati fai da te” che comprende Adwords e Facebook Ads. Oltre a tutto il solito lavoro routinario sui soliti clienti fedeli.

Buone vacanze (io sarò, se tutto va come deve andare, a Graz, Bratislava, Budapest, Lago Balaton e Lubiana. Mitteleuropa, insomma).

Appunti del 23 maggio 2017: libri abbandonati e campagne teaser.

Oggi, andando in ufficio, ho visto una catasta di roba ammonticchiata su un marciapiede. Evidentemente qualcuno che ha fatto un trasloco o che ha sgomberato una cantina o un solaio.

Davvero un sacco di roba. Vecchi sacchi di iuta da cui uscivano scarponi da sci arrugginiti, piccola mobilia, vecchie lampade rotte, documenti medici etc.

Ma, udite udite, anche un paio di sacchi e un baule da viaggio contenenti numerosi libri vecchi, ingialliti e ammuffiti, prevalentemente in lingua francese, ma anche in italiano. Soprattutto poesie.

Sembrava tutto abbandonato e in attesa di venire portato in discarica.

Così ho arraffato i primi tre libri che ho trovato e li ho portati via.

Non si abbandonano così i libri. Vergogna.

Ne approfitto per segnalare il glorioso ritorno di una pubblicità “teaser”, vista ieri in metropolitana.  Ai miei giovani lettori, che non sanno cosa siano i teaser, consiglio di andare ad informarsi in rete.

Non mancherò di pubblicare il seguito.

Appunti del 9 maggio: mea culpa per il lungo silenzio.

Intanto un mea culpa per il lungo silenzio.

Tanto lavoro ma, soprattutto, hanno operato Monica di calcoli alla cistifellea. Tutto bene, grazie.

Nel frattempo ho finito Il male oscuro di Giuseppe Berto, e siccome è stato un parto difficile ma alla fine interessante, ho deciso di ributtarmi sulla letteratura femminile americana.

E così sto leggendo Tutto da capo di Cathleen Schine, autrice di cui avevo già letto un paio di libri un decennio fa. Lei è quella di Lettera d’amore, per capirci.

Sul sito di Rivista Studio ho trovato questa cosa carina che vi riporto integralmente:

Uno dei manifesti pubblicitari più geniali di sempre

Di Dave, un grafico pubblicitario, si sa soltanto che il The Friars, un pub di Bridgnorth – una cittadina delle Midlands occidentali – a un certo punto l’ha contattato per pubblicizzare una serie di serate di musica dal vivo ospitate dal locale. I gestori del The Friars per parlare con Dave hanno usato il più classico dei mezzi, iMessage su iPhone, chiedendogli «un poster per le nostre Music Nights». Il designer – forse per pigrizia, forse per una grande intuizione artistica – ha scelto di ridurre al minimo il suo lavoro creativo, creando il manifesto pubblicitario che vedete di seguito.

Appunti di lavoro.

Due righe veloci su quello che ho fatto in questi primi tre mesi del 2017.

Ho lavorato ad una campagna pubblicitaria, sia carta che web, per il rilancio di un noto colorificio italiano.

Ho partecipato ad una gara per la promozione di alcuni servizi di una nota associazione di optometristi di Singapore.

Sto supervisionando la pagina Facebook di una marca di acque minerali del nord Italia. Per la stessa azienda ho realizzato alcune pagine pubblicitarie per magazine del settore food e turismo.

Sto partecipando ad una gara per il lancio nel Middle East di un condizionatore con la Inverter Technology.

Stessa cosa per una gara relativa ad una web series per una nota marca italiana di autonoleggio.

E poi, nei ritagli di tempo, continuo il lavoro di social network management per le due attività di mia moglie (qui e qui i siti delle due attività).

Per privacy ho preferito non nominare e linkare i clienti e le agenzie per cui ho lavorato e collaborato (tranne per le cose di famiglia). Se proprio volete sapere i nomi, chiedetemelo in privato.

Perché è importante comunicare (bene) sulla rete.

Da qualche tempo, nel mondo della comunicazione pubblicitaria, lo scenario è cambiato: le vecchie forme di comunicazione sono entrate in crisi a causa della nascita di nuovi mezzi di comunicazione legati a internet. Non parlo di banner e di siti vetrina: quelli appartengono al cosiddetto “Web 1” quando ancora internet era solamente un altro mezzo di comunicazione che si andava ad aggiungere a quelli tradizionali offline tipo la televisione, i giornali, le affissioni, le radio etc… Parlo del fenomeno chiamato “Web 2”: mentre prima la comunicazione su internet veniva gestita e creata interamente dal cliente autore del sito, adesso i contenuti e gli argomenti li decide il visitatore, è lui che stabilisce cosa dire di un determinato prodotto e se premiarlo o meno. Il suo giudizio il consumatore lo esprime sui blog, sui forum e sui social network. E così la gente va sulla rete e dice la sua sul prodotto che ha utilizzato un minuto prima. I clienti, col tempo, si stanno accorgendo di questo, scoprendo che la gente è sempre più connessa alla rete, tramite gli smartphone, i pc portatili, la banda larga etc… Questo significa che se un’azienda vuole raggiungere il suo target deve andare a prenderlo direttamente sulla rete: è lì che si trova. Quello che prima si raccontava e si discuteva nelle piazze, nei bar e tra gli amici, adesso si dice sulla rete.

Quindi, in sostanza, quello che io propongo alle aziende è di sviluppare il loro business sulla rete, perché oggi non basta più avere un sito internet graficamente bello ed elegante, bisogna che quel sito sia raggiungibile prima di quello dei concorrenti e consenta a chi lo visita di dialogare con l’azienda per consigliare, chiedere ma anche criticare. Perché è un diritto di ogni cliente.

Inoltre essere online significa sapere chi visita il sito o il blog aziendale, cosa fa, cosa eventualmente scarica e saper dialogare con lui in forma diretta.

Nello specifico quello che propongo è:

–  apertura e gestione di blog aziendali, attraverso i quali parlare dei prodotti, delle novità aziendali etc…ma soprattutto ascoltare il cliente che è libero di commentare quello che gli stiamo dicendo. I blog piacciono molto ai motori di ricerca che, nel computo delle ricerce,  li premiano mettendoli in posizione privilegiata rispetto ai siti tradizionali.

–  ottimizzazione dei contenuti: per meglio farsi trovare dai potenziali clienti su Google

–  gestione e sviluppo dello strumento Google Adwords, acquisto di parole chiave a pagamento. Google Adwords è il sistema di pubblicità digitale in PPC (Pay Per Click) attualmente più utilizzato al mondo. Permette di far attivare degli annunci pubblicitari contestualmente alla ricerca di precise parole chiave all’interno del motore di ricerca Google.

–  eMail marketing (invii periodici di newsletter con  tracciabilità garantita) prima c’era il direct marketing, ma ciò che un’azienda inviava non si poteva sapere con esattezza se veniva letto. Adesso con l’invio via email sappiamo perfettamente se il nostro cliente ha letto la mail che gli è stata inviata e sappiamo anche se tramite quella mail è andato a visitare alcuni prodotti sul sito. In questo modo nella mail successiva potremo inviargli  informazioni aggiuntive e mirate sui prodotti visitati.

–  Web Reputation: i clienti sanno cosa dice la gente sulla rete del loro prodotto o del loro servizio? Pensano che se ne parli bene o invece che tutti ne parlino male? Alcuni clienti muoiono dalla voglia di sapere come li giudicano i consumatori.

Per qualsiasi altra informazione non esitate a contattarmi.

La comunicazione turistica sulla rete, in vista di EXPO2015, è indietro. C’è ancora molto da fare. Che aspettiamo?

La mattina di giovedì 13 febbraio, sono stato a Palazzo Isimbardi a Milano, sede della Provincia, per l’evento La Comunicazione turistica ai tempi dell’EXPO evento organizzato da Mediastar.

L’evento era rivolto a coloro che possiedono un’attività turistica (o ludica) a Milano e dintorni e il compito dei relatori era di illustrare cosa fare per migliorare la loro comunicazione in vista dell’EXPO 2015.

Ero molto curioso di sentire cosa si dice (e si promette) in giro sul tema legato alla comunicazione turistica, specialmente quella fatta sulla rete. che poi è l’argomento principale di questo blog.

In genere a questo tipo di eventi si va per capire se c’è davvero qualcosa di nuovo da assorbire e sostanzialmente per non restare indietro, anche perché la rosa dei relatori (foto) era promettente: Alessandro Papini, Direttore della Comunicazione della Provincia di Milano, Massimo Giordani dell’Osservatorio Unicom, Carla Solari di Convention Italia, Roberto Locatelli di Plus Communication e Alessandro Mazzù, web marketing specialist di Qadra.

La nota dolente arriva però subito: durata di ciascun intervento, 10 minuti.

Ora, spiegatemi come si fa in dieci minuti a raccontare, nel caso di Mazzù, come fare web marketing e social marketing per un’attività tipo un hotel milanese o un ristorante in Brianza. Onore quindi a Mazzù che ci ha, perlomeno, provato.

Molte le cose dette ma, come succede quando si ha poco tempo, ridotte all’osso quelle davvero interessanti e costruttive. A un certo punto ho anche sentito questa frase: “Per essere presenti sui motori di ricerca basta avere un sito internet…”. Fosse così facile…

Tra le cose interessanti invece, ne ho appuntate alcune che voglio condividere con voi.

Carla Solari, nel suo intervento, ha parlato dell’importanza dello storytelling nel turismo: viaggiare e fare vacanza è diventato, oggi, prima un’esperienza da vivere e successivamente da raccontare.
In sostanza, lo storytelling è lo sviluppo dell’ormai (quasi) logoro testimonial pubblicitario.

Come dare torto a Carla? E come non darle ragione, purtroppo, quando dice che ci sono alcune regioni italiane (troppe, aggiungo io) che hanno scoperto solo da poco dell’esistenza di EXPO2015.
Questo è gravissimo, e la causa di ciò non è solo da addossare ad un eventuale scarso livello di diffusione dell’evento EXPO al di fuori della Lombardia.

Del già menzionato intervento eroico di Alessandro Mazzù, napoletano specialista di web marketing in gita a Milano, ricorderò il suo tifo spassionato per lo strumento blog. Secondo lui tutte le società che ruotano intorno al turismo dovrebbero averne uno. Parole sante, che io vado sostenendo da anni.

Divertente Mazzù quando si lamenta dello scarso numero di hotel italiani che offrono il wi-fi gratuito: “Se non c’è la connessione internet gratuita cosa dirò ai miei amici su Facebook e Twitter a proposito di quell’albergo milanese in cui ho dormito?”.

Ma l’intervento più interessante, almeno per me, è stato quello di Massimo Giordani di Unicom Italia che ha presentato i dati davvero allarmanti di un’indagine del 2012 (2012!) relativa ai Musei italiani.

In Italia ci sono 103 milioni circa di visitatori all’anno di musei italiani. E solo il 50 per cento di questi musei, grandi o piccoli che siano, ha un sito internet. Dato drammatico se si considera che, sempre secondo l’indagine, nel 2012 addirittura il 75% dei coreani utilizzava lo smartphone per prenotare un viaggio in Italia.

Questo dato fa pensare a quanto ancora c’è da fare, in Italia, dal punto di vista della comunicazione sulla rete. Che aspettiamo?

Ecco nella foto qui a fianco la sintesi, che condivido totalmente, di Massimo Giordani.

E che riassumo anche a parole:

La comunicazione è la madre di tutti i business. Impariamo a comunicare con gli strumenti che tutto il mondo sta imparando ad utilizzare in modo pervasivo.

Promettente, infine, la chiosa del Direttore della Comunicazione della Provincia di Milano Alessandro Papini: “Milano non può fallire. E non fallirà.

Speriamo, aggiungo io.

L’ex premier britannico Tony Blair bacchetta i politici che usano Twitter.

In un recente incontro organizzato a Londra dal think:tank Mile End Group, l’ex premier britannico Tony Blair ha rimproverato i politici che, al posto di portare nuove idee per migliorare la società, perdono tempo su Twitter.

Repubblica di venerdì 1 novembre 2013, ha pubblicato un interessante estratto dell’intervento di Tony Blair.

Qui sotto potete visionare il filmato integrale dell’intervento di Blair.

Il Censis conferma che i giovani si informano prevalentemente sulla rete. Ma regge lo zoccolo duro degli anziani che preferiscono i media tradizionali.

Nel terzo dei quattro incontri che il Censis dedica nel mese di giugno alla “società impersonale”, emerge quanto segue:

“Oggi i consumi mediatici di giovani e anziani sono diametralmente opposti, con i primi posizionati sulla linea di frontiera dei new media e i secondi distaccati, in termini di quote di utenza, di decine di punti percentuali”.

Se andiamo nel dettaglio di ciò che rivela il Censis, scopriamo che la percentuale di giovani che utilizza internet è addirittura del 90,8%, ma il dato crolla clamorosamente quando parliamo di anziani: solo il 24,7% di loro ha a che fare con la rete.

I canali di YouTube sono visionati per il 79,9% dai giovani e per il 5,6% dagli anziani; Facebook è terreno fertile per il 79,7% dei giovani ma è arido per gli anziani con solo il 7,5%.

Passando agli smartphone di ultima generazione, scopriamo che il 54,8% degli under 30 li utilizza regolarmente per restare connessi col mondo, mentre tra gli over 65 solo il 3,9% ne possiede uno.

Per quanto riguarda infine la cosiddetta Web Tv, i giovani che la guardano sono il 39,1%, esattamente dieci volte tanto la percentuale degli anziani che è ferma al 3,9%.

Altro dato importante rivelato dal Censis riguarda l’informazione, dove la centralità dei telegiornali classici la fa ancora da padrone, dato che l’80,9% degli anziani li utilizza come fonte principale di informazione, mentre i giovani preferiscono informarsi in rete principalmente con Google (65,7%) e Facebook (61,5%).

Questi dati confermano lo spostamento sempre più corposo della massa dei giovani verso il web, luogo dove per un editore è sempre più necessario essere presenti, se si vuole raggiungere il target delle nuove generazioni, per non parlare dei nativi digitali che i media tradizionali sanno a malapena cosa siano.

Conferma tutto il Censis con questa nota:

“Questi sono i dati più esplicativi del ciclone che si è abbattuto sull’apparato mediatico tradizionale, della tendenziale riduzione al singolo delle leve dell’informazione, dell’autodominio del soggetto nella comunicazione. Soprattutto per i giovani le strategie di adattamento nell’ambiente dei media digitali sono improntate al nomadismo – la molteplicità dei media a disposizione li spinge a passare dall’uno all’altro – e al disincanto – l’integrazione dei mezzi determina l’assenza di una vera e propria prospettiva gerarchica tra di essi: per loro le notizie apprese da un tg o da un quotidiano valgono quanto quelle trovate sul web”.

Il portfolio, finalmente.

Molti mi dicono: “Interessanti le cose che scrivi, ma tu esattamente quali siti hai realizzato?”.

La domanda è più che lecita ed è giusto che la gente voglia sapere dove metto in pratica le cose che periodicamente racconto su questo sito/blog.

Inizio col ricordarvi che il sito che state leggendo è già un buon banco di prova per capire il mio stile di linguaggio ed il mio modo di approcciarmi al Web Marketing.

Per tutto il resto è da oggi attiva la pagina Portfolio.