Appunti d’autunno: una missione, il Trap di Ghali e il mago dello spiedo.

Rieccomi qui.

Libri. La missione dell’autunno è la seguente: terminare assolutamente entro Natale L’Adolescente di Fëdor Dostoevskij e Le Correzioni di Jonathan Frenzen.

Me lo sono imposto. Poi come va, va. Ma io ci provo.

Ho calcolato che, nello scaffale in cui accumulo i libri da leggere, ce ne sono 73. Non si può andare avanti così.

Musica. Grazie a Sofia ho scoperto un nuovo genere che mi piace molto, anche se chi lo suona potrebbe essere mio figlio, cioè il fratello di Sofia.

Parlo del Trap, che non è l’allenatore di calcio, ma un sottogenere della musica Rap. In Italia la sta suonando molto bene gente come Ghali, Sfera Ebbasta, Rkomi, Tedua e altri. Nella foto c’è Ghali.

Non si finisce mai di ascoltare.

Lavoro. Tanto, per fortuna. Continuano i piacevoli corsi di formazione sul web marketing nelle medie piccole imprese della Lombardia.

Affascinante è stato partecipare al progetto di lancio del nuovo sito di una società che si occupa di Facility Management. Per loro ho anche scritto una trentina di articoli che finiranno nel blog.

Ho fatto parte anche del team creativo impegnato nella gara per il rilancio del secondo produttore italiano di alimenti aproteici. Roba tosta. Incrociamo le dita.

E poi sto scrivendo i testi per un famoso produttore di pollo allo spiedo, il più conosciuto nel nord Italia. Si definisce il mago dello spiedo, quindi avete capito di chi si tratta.

Le ultime dal magico mondo del Web e Social Marketing.

La settimana scorsa sono stato al tradizionale appuntamento con il Social Media e Community Management, nel quale Andrea Albanese, ideatore della Community, ha raccontato le ultime novità sul magico mondo del Web e Social Marketing.

Ecco, in pillole, le cose più rilevanti (e interessanti) emerse:

Finalmente, anche su YouTube arrivano le “Breaking News”.

Albanese dice: “YouTube ha un motore di ricerca pessimo e Facebook se lo sta mangiando. Confermo.

I giovani (in particolare gli adolescenti come mia figlia Sofia) stanno scappando da Facebook. Per andare su Instagram e Snapchat.

Su Facebook arriva il Marketplace per vendere e comprare oggetti. Ci mancava. O no?

Google Maps: la funzione ricerca parcheggi arriva anche in Italia.

Arriva anche da noi la app anonima Sarahah che raccoglie i dati degli utenti. Non ci mancava.

Negli USA debutta Facebook Watch per la produzione di contenuti video originali.

Il creatore del fenomeno “Gianluca Vacchi” si chiama Mirko Scarcella.

Facebook blocca le adv delle pagine che condividono le fake news. Mi sembra giusto.

Durante l’incontro ho avuto modo di conoscere Massimiliano Leva, uno dei (tanti) Social Media Manager di Repubblica.

Appunti dopo le vacanze.

In vacanza tutto bene, mi sono riposato cercando di staccare più spine possibili.

La cosa più bella che ho visto? La città di Lubiana, una piacevolissima sorpresa.

 

 

 

 

 

 

 

 

E adesso si riprende.

In questi giorni non vorrei essere nei panni dei social media manager di Carpisa e Buondì Motta. E già che ci sono confesso che a me lo spot della mamma incenerita dall’asteroide piace un sacco. Alla faccia di chi non possiede neanche un briciolo (diciamo un granello zuccherato) di sense of humour.

Ho ripreso alla grande col lavoro: sto partecipando al lancio di un istituto italiano che rilascia diplomi di Image Consultant e sto collaborando ad un progetto di lead generation per una società che si occupa di allestimenti e stand fieristici. 

E poi il solito lavoro di routine per i miei clienti abituali.

Appunti prima delle vacanze.

Due mesi senza scrivere niente. Probabilmente non avevo cose interessanti da dire. Senza il probabilmente.

Nel frattempo però l’Antitrust ha inviato lettere di diffida ad aziende e blogger (tipo Chiara Ferragni, Fedez e Belen) invitandoli gentilmente a dichiarare se stanno facendo pubblicità ad un determinato brand nei loro post.

Ho rivisto un collega con cui lavoravo anni fa e stiamo cercando di capire come poter collaborare nuovamente insieme per proporre alle aziende servizi di web marketing.

A quei due a cui interessa, dirò che in questo periodo ho letto i seguenti libri: I Demoni di Fedor M. Dostoevskij e La neve era sporca di Georges Simenon, e sto leggendo (in contemporanea) il primo volume dei Racconti di Cechov (quelli editi dalla Bur negli anni 80) e il saggio Propizio è avere ove recarsi di Emmanuel Carrere.

E ai restanti tre lettori affezionati dirò che, parlando di lavoro, mi sono occupato di Gamification (se non sapete cos’è leggetelo qui su Wikipedia) per diversi clienti, e ho contribuito al lancio digitale di un servizio di “profumi personalizzati fai da te” che comprende Adwords e Facebook Ads. Oltre a tutto il solito lavoro routinario sui soliti clienti fedeli.

Buone vacanze (io sarò, se tutto va come deve andare, a Graz, Bratislava, Budapest, Lago Balaton e Lubiana. Mitteleuropa, insomma).

Appunti del 30 maggio 2017: cose di lettura e di lavoro.

La notizia importante (ma che forse a molti non fregherà nulla) è che ho iniziato I Demoni di Fëdor Michajlovič Dostoevskij.

Vi tengo aggiornati. Per il momento (sono a pagina 55) e me la sto cavando bene.

Di conseguenza ho terminato Tutto da capo di Cathleen Schine. Carino, ma non di più.

Cose di lavoro: sto lavorando al concept (si dice così adesso) del nuovo sito della società per cui sto collaborando intensamente.

Da loro sto anche lavorando al lancio di un e-commerce di una società che si occupa di fragranze per profumi personalizzati, compresi i packaging. Un business che sta prendendo piede in Italia.

Nei ritagli di tempo, sto aiutando una mia amica che si occupa di traduzioni professionali a movimentare un po’ il suo business sulla rete (Facebook, Twitter e, forse, sito).

Infine, ho terminato un lavoro relativo alla ricerca di un visual concept (arieccolo) per una azienda leader nella produzione di tegole e coppi.

Appunti del 23 maggio 2017: libri abbandonati e campagne teaser.

Oggi, andando in ufficio, ho visto una catasta di roba ammonticchiata su un marciapiede. Evidentemente qualcuno che ha fatto un trasloco o che ha sgomberato una cantina o un solaio.

Davvero un sacco di roba. Vecchi sacchi di iuta da cui uscivano scarponi da sci arrugginiti, piccola mobilia, vecchie lampade rotte, documenti medici etc.

Ma, udite udite, anche un paio di sacchi e un baule da viaggio contenenti numerosi libri vecchi, ingialliti e ammuffiti, prevalentemente in lingua francese, ma anche in italiano. Soprattutto poesie.

Sembrava tutto abbandonato e in attesa di venire portato in discarica.

Così ho arraffato i primi tre libri che ho trovato e li ho portati via.

Non si abbandonano così i libri. Vergogna.

Ne approfitto per segnalare il glorioso ritorno di una pubblicità “teaser”, vista ieri in metropolitana.  Ai miei giovani lettori, che non sanno cosa siano i teaser, consiglio di andare ad informarsi in rete.

Non mancherò di pubblicare il seguito.

Appunti del 9 maggio: mea culpa per il lungo silenzio.

Intanto un mea culpa per il lungo silenzio.

Tanto lavoro ma, soprattutto, hanno operato Monica di calcoli alla cistifellea. Tutto bene, grazie.

Nel frattempo ho finito Il male oscuro di Giuseppe Berto, e siccome è stato un parto difficile ma alla fine interessante, ho deciso di ributtarmi sulla letteratura femminile americana.

E così sto leggendo Tutto da capo di Cathleen Schine, autrice di cui avevo già letto un paio di libri un decennio fa. Lei è quella di Lettera d’amore, per capirci.

Sul sito di Rivista Studio ho trovato questa cosa carina che vi riporto integralmente:

Uno dei manifesti pubblicitari più geniali di sempre

Di Dave, un grafico pubblicitario, si sa soltanto che il The Friars, un pub di Bridgnorth – una cittadina delle Midlands occidentali – a un certo punto l’ha contattato per pubblicizzare una serie di serate di musica dal vivo ospitate dal locale. I gestori del The Friars per parlare con Dave hanno usato il più classico dei mezzi, iMessage su iPhone, chiedendogli «un poster per le nostre Music Nights». Il designer – forse per pigrizia, forse per una grande intuizione artistica – ha scelto di ridurre al minimo il suo lavoro creativo, creando il manifesto pubblicitario che vedete di seguito.

Appunti dell’11 aprile: Robinson, Nicola Nunziata, copertine libri, tavolo Applaro Ikea, pagine commemorative Facebook.

Oggi è il compleanno di Monica. Auguri.

Segnalo le bellissime foto dei libri recensiti su Robinson, il nuovo inserto culturale di Repubblica.

L’autore si chiama Nicola Nunziata, è un collaboratore dell’agenzia Opfot, e le sue immagini, oltre che ad essere innovative e diverse dal solito format, contengono un’idea, quella di proseguire ipoteticamente il contenuto grafico e visivo delle copertine dei libri fotografati.

Ogni tanto, dalla jungla della metropolitana milanese, spunta anche un bel titolo, tipo questo per una promozione dell’Ikea relativa al tavolo Applaro.

Scopro solo ora che su Facebook esiste la possibilità di trasformare le pagine di persone prematuramente scomparse o decedute a causa di incidenti o altro, in pagine commemorative create e gestite da persone molto vicine al defunto in questione.

La scoperta è avvenuta cercando la pagina Facebook di Ambra Shaliani, una ragazza di 17 anni che ha perso la vita qualche settimana in un incidente stradale.

In cima alla pagina appare una specie di bannerino che recita:

Speriamo che le persone che amano Ambra troveranno conforto nel visitare il suo profilo per ricordare lei e la sua vita.
Scopri di più sull’impostazione del contatto erede e sugli account commemorativi su Facebook.

Ciao Ambra, che la terra ti sia lieve.

Se non ci leggiamo più prima di Pasqua, auguri a tutti e a tutte.

Appunti del 5 aprile: Miscusi, Amaro della Reggia di Caserta, Francesco Motta, Premio Tenco, Il male oscuro, Giuseppe Berto, Elegia americana.

Un amico mi ha parlato di Miscusi, una piccola boutique-ristorante di sola pasta nel (più o meno) cuore di Milano.

“Adesso pasta!” recita lo slogan. Il punto esclamativo non è mio, ci tengo a dirlo.

L’idea, carina, è di due giovani ex-imprenditori: Alberto Castasegna e Filippo Mottolese. Ne parlerò con il mio amico Raffaello Ducceschi, che ha avuto un’intuizione simile, ma a Barcellona.

Leggo sul Venerdì di Repubblica che sta per nascere l’Amaro della Reggia di Caserta. L’idea è venuta a Mauro Felicori, manager bolognese che dal 2015 si prende cura dell’antico palazzo, e che ha deciso di realizzare un liquore utilizzando le erbe del giardino della Reggia, da vendere nel bookshop del palazzo e in punti vendita selezionati dalla distilleria.

A seguire, la mozzarella e il miele a marchio Reggia di Caserta. Vi terrò informati sugli sviluppi.

Occhio a Motta, non il celebre panettone, ma il cantautore pisano di famiglia livornese che ha vinto l’ultimo Premio Tenco. Il suo nuovo album, da ascoltare, si chiama La fine dei vent’anni.

Sto leggendo, da un paio di giorni, Il male oscuro, romanzo di Giuseppe Berto ristampato da Neri Pozza. Il libro ebbe particolare successo negli anni sessanta e permise a Berto di aggiudicarsi i Premi Viareggio e Campiello.

Libri che entrano nella mia lista dei desideri: Elegia americana di J.D. Vance.

Appunti di lunedì 3 aprile: #campagneelettorali, #Ilmiolibro, #FondazioneUmbertoVeronesi, #prevenzionecancrotesticoli, #tocchiamoci.

Su Twitter, sotto l’hashtag #candidatichedavvero, si trovano delle campagne elettorali che sono delle vere e proprie chicche.

Tipo quella con protagonista il candidato del Movimento 5 Stelle di Asti.

Nel consueto tragitto dalla metropolitana al luogo di lavoro, mi ha colpito l’insegna di una piccola libreria che si chiama Il mio libro, fatta a mosaico.

E’ da un po’ che ci faccio caso e così oggi l’ho fotografata: ma solo a me il terzo puntino della “i” ricorda un cuoricino? Uno dei prossimi giorni entro e lo chiedo alla proprietaria. Qui la pagina Facebook della libreria, mentre questo è il blog La scatola lilla di Cristina Di Canio, la titolare.

Non riesco a capire se mi piace o no la campagna della Fondazione Umberto Veronesi per la prevenzione del cancro ai testicoli. Una cosa è certa: l’hashtag #tocchiamoci lascerà il segno.